Quando i social diventano anti-social

 Cari lettori spero possiate apprezzare questo articolo nonostante non sia inerente agli argomenti che tratto nel mio blog. Si tratta di una mia riflessione riguarda il mondo dei social network, che ho voluto condividere poiché penso che in qualche misura ci riguarda tutti.  

touch-screen-1023966_960_720

Oggi non essere presente sui social è un po come se non esistesi. Da quando esistono sentiamo tutti un grande bisogno di essere sempre collegati con il “mondo”. Ognuno ha le proprie reti preferite. In questo articolo prenderò come riferimento “Facebook”, il re dei social.

Personalmente la uso regolarmente, anche se in maniera moderata. Cosa significa? Cerco di non passare troppo tempo, a selezionare gli argomenti da seguire e a non sentirne la mancanza quando non si può avere accesso alla rete. Anche se ammetto che bisogna lavorarci su per tenere un equilibrio e a non perdersi troppo quando ci si collega ai social.

Detto ciò, torniamo a parlare dell’argomento che mi ha spinto a scrivere queste righe.

Come ha influenzato Facebook la nostra vita sociale? Ai suoi inizi l’idea di potersi connettere con vecchi amici e conoscenti lontani appariva entusiasmante e perché no prometteva di riallacciare dei rapporti sociali. Ed è stato cosi finché il fuoco della curiosità iniziale non si spegnesse. Senza rendersi conto questo social è entrato a far parte nella nostra esistenza in modo talmente prorompente da farci vivere delle realtà parallele tra noi e gli altri. Instaurare dei rapporti di amicizia o sociali come nella vita reale ci siamo resi conto che è impossibile. Ognuno di noi sta creando e vivendo delle realtà virtuali dai tratti sconosciuti, ma esaltanti. Non saprei dire se i social hanno modificato i nostri tratti comportamentali oppure gli hanno evidenziati.

Il primo motivo per cui ci colleghiamo a Facebook è per curiosare ed il secondo è per apparire. Due motivi che di sociale non hanno niente, anzi producono l’isolamento e sviluppano l’egoismo. E’ da cui che nasce il campanello d’allarme dell’effetto anti-sociale che produce il social. La comunicazione, la nostra primaria necessità come esseri sociali, in questa rete è quasi inesistente. Quelli di Facebook l’hanno capito e per venirci in aiuto e toglierci ogni parola dalla bocca hanno inventato il tasto “like”, che vuoi o non vuoi, per sentirti social, sei obbligato a cliccare. Amici lontani e vicini ci rendono partecipi dei momenti più importanti della loro vita. C’è un grande coinvolgimento nella rete, ma quando per caso ci incontriamo nella realtà quasi facciamo fatica a salutarci. Non riuscirò mai a capire..!

Nel caso di uso eccessivo o di dipendenza, Facebook ha creato solitudine e distacco non solo nei rapporti interpersonali della vita sociale, ma anche nell’ambito familiare. Si tende a trascurare il proprio partner, i figli o altri familiari perdendo del tempo prezioso nella rete.

Nei casi più gravi, dovuti all’alterazione della percezione della realtà e ad una forte dipendenza dal social, si può arrivare fino alla depressione. E secondo degli studi su questo fenomeno non sono pochi i casi riscontrati. Questo per far capire l’altro lato dei social. Queste piattaforme che nascono per avvicinare, fare conoscere le persone, attraverso i loro strumenti di interazione (principalmente le foto e l’esibizionismo) hanno involontariamente in alcuni casi prodotto l’effetto contrario, quello anti-social, creando un senso di inferiorità, inadeguatezza e bassa autostima su alcuni utenti.

Ecco perché, ogni tanto bisogna staccare veramente la spina, e tornare ad assaporare la vita vera. A volte mi viene da pensare: “Se si potesse tornare indietro, sarebbe bello”!

E’ nata Adela Translations

…la mia pagina professionale sul servizio delle Traduzioni.

safety (1)

 

http://adelatranslations.com/

Sono orgogliosa di condividere con voi questo nuovo passo importante per me. Uno dei tanti che spero mi porteranno lontano per poter crescere sempre di più come professionista.

Grazie a tutti per seguirmi ed incoraggiarmi a dare sempre il meglio!

Che altro dirvi…

Se state cercando un traduttore affidabile, adesso sapete dove trovarlo!

Nëse po kërkoni një përkthyes të besueshëm, tashmë dini ku mund ta gjeni!

If you are looking for a reliable translator, now you know where to find one!

¡Si estáis buscando un traductor fiable, ahora sabéis dónde encontrarlo!

Interviste e shkrimtares dhe filozofes franceze Élisabeth Badinter mbi identitetin e gruas – Përkthim ES>AL marrë nga El País

Élisabeth Badinter: “Gruaja nuk do të ndreqë gabimin që ka bërë njeriu”

  • Filozofja paralajmëron se kriza ka theksuar dëshirën e grave të rikthehen në shtëpi dhe deklaron: “Sot për shumë gra të kesh një fëmijë është njësoj si të krijosh një kryevepër”
Libri i fundit i Elisabeth Badinter. ©Foto Patrick Kovarik
Libri i fundit i Elisabeth Badinter. ©Foto Patrick Kovarik

Élisabeth Badinter (Boulogne-Billancourt, 1944), prej katër dekadash firmos libra mbi dashurinë mëmësore, diferencat seksuale dhe identitetin mashkullor. Mbrojtëse e një feminizmi që synon tek barazia e plotë, beteja e saj e fundit e përballë me mbështetësit e gjidhënies, të cilët i konsideron përgjegjës të “konfliktit të thellë ideoligjik” që po i kthen gratë drejt shtëpisë. Specialiste e shquar e lëvizjes Shekulli i Dritave, Badinter gjithashtu prej dy dekadash vazhdon të kundërshtoje vellon integrale dhe të mbrojë me vendosmëri modelin laik francez. Filozofja, që këto ditë po përfundon vëllimin mbi mbretërimin e Maria Terezës së Austrisë, përballet me shqetësimet e saj nga shtëpia në Paris ku jeton me bashkëshortin – Robert Badinter, ministrin e periudhës së Mitterrand, i cili hoqi dënimin me vdekje -, pranë Kopshteve të Luksemburgut. Në dhomën e ngrënies, elegante e të thjeshtë, bien në sy dy elementë: busti i të shquarit Condorcet dhe një koleksion lodrash pellushi të filmit të fundit të Pixar. “Një dhuratë për katër nipërit e mij”, shpjegon ajo.

Pyetja. Në librin tuaj të fundit, Gruaja dhe nëna, denonconit “një revolucion të heshtur për të rivendosur mëmësinë në qendër të fatit femërorë”. Pesë vjet më vonë, si paraqitet situata?

Përgjigjia. Nuk ka pasur ndonjë përmirësim, por as edhe ndonjë përkeqësim. Ka ndikuar ndjeshëm konteksti ekonomik. Kur një grua dëshiron të lërë punën dhe t’i dedikohet plotësisht mëmësisë, mendohet mirë. Divorcet po bëhen gjithmonë e më frekuente dhe shumë gra i druhen faktit që të mbeten të vetmuara me të ardhura të vogla jetese. Kur kanë një punë sadopak interesante dhe të paguar mirë, preferojnë ta mbajnë se sa të qëndrojnë në shtëpi, edhe kur preferojnë këtë të fundit.

Pyetja. Sipas kësaj që pohoni do të thotë se kriza ka ndikuar, paradoksalisht, në favor të emancipimit?

Përgjigjia. Jo absolutisht, kriza ka qenë një faktor regresiv. Ka krijuar një ndenjë mosbesimi karshi tregut të punës dhe ka theksuar dëshirën për tu kthyer në shtëpi. Përballë pasigurisë që mbizotëron dhe pabarazisë së pagës, shumë gra preferojnë të strehohen tek familja dhe tek të vegjëlit e tyre. Në mungesë të një vendi të mirë pune, shumë gra përqëndrohen tek shtatëzania. Përse të rropatesh duke punuar për një rrogë minimale kur egziston një alternativë më pozitive? Karshi një tregu pune që i shfrytëzon, prospektiva për të rritur një fëmijë të lumtur dhe të zgjuar paraqitet më entuziasmuese. Sot, për shumë gra, të kesh një fëmijë është njësoj si të krijosh një kryevepër.

Pyetja. Në një farë mënyre doni të thoni, që mëmësia është kthyer në një formë ndërmarrjeje krijuese, si rezultat i zhgënjimit të shkaktuar nga tregu i punës.

Përgjigjia. Pa dyshim. Problemi qëndron në faktin që ky fenomen shoqërohet nga imponimi i qëndrimeve natyraliste. Për të qenë një nënë e mirë sot, një grua duhet ta ushqejë me gji foshnjën e saj natë e ditë dhe ta mbaj në shtrat deri sa të mbushë vitin. I kërkohet nënës që ta zgjasë kontaktin me të voglin e saj sa më shumë të jetë e mundur.

Pyetja. Prej vitesh denonconi imponimin e gjidhënies, ashtu si edhe refuzimin e pilulës, të anestezise epidurale apo të qumështit pluhur. Nga se shkaktohen keto fenomene?

Përgjigjia. Nga tendenca për tu kthyer në natyrë e propozuar nga lëvizja ambientaliste, që merr frymezim nga Rousseau. Kur dikush lexon librin e tij Emili, perballet me të gjitha dhe secilen nga idetë që sot shoqëria na i imponon si te ishin modernizimi absolut. Nëna natyraliste synon të thyej skemat e kapitalizmit konsumist, duke e konsideruar të shenjtë afrimin me natyrën. Sot vërehet sjellja e një nënë shimpanze dhe propozohet sikur të jetë ky modeli për tu ndjekur. Më duket absurde të konsiderosh natyrën si një model të perjetshëm dhe të pasuperueshëm. Është e pamohueshme që veprimet e njeriut e kanë dëmtuar natyrën, por jo çdo gjë që ka çuar në civilizim ka qenë e dëmshme.

Pyetja. Mendoni se gjendemi perballe nje levizjeje reaksionare te ngjashme me ate te viteve ’50, kur e ashtuquajtura Aleanca e Qumeshtit, organizata amerikane e themeluar nga disa nena katolike, promovoi me sukses gjidhenien ne fazën kyçe te lindjes së lëvizjes feministe?

Pergjigjia. Egziston nje dallim i rendesishme: ato qe ankohen sot nga kjo levizje nuk jane gra tradicionaliste, perkundrazi plotesisht feministe. Gjendemi perballe nje triunfi te padiskutueshem te feminizmit diferencial, krejt ndryshe nga ai universal, te cilin e mbroj  dhe qe u misherua nga Simone de Beauvoir. Feminizmi i ri, ne vend qe te na nxise qe te jetojme njelloj si burrat, preferon te nenvizoje pekuliaritetin tone. Ne veçanti shtatezanine, por edhe pacifizmin, afrimitetin me natyren apo vemendjen per te tjeret. Ky model filozofik-feminist, qe shperthue ne vitet ’80 perfshiu nje publik te konsiderueshem ndermjet grave te klasave te privilegjuara.

 

[Artikulli vazhdon…..]

 

Artikulli origjinal: 

http://internacional.elpais.com/internacional/2015/08/05/actualidad/1438790334_204242.html

Analisi del 2015

Un’altro anno del mio blog è trascorso… Vi voglio ringraziare tutti per aver condiviso con me i suoi contenuti, che con entusiasmo e passione ho cercato di offrirvi. C’è ancora tanta strada da fare, ed io ce la sto mettendo tutta per crescere insieme a questo blog. Mi auguro che l’Anno Nuovo sia ancora più ricco di informazioni utili e articoli interessanti, per continuare a stare in compagnia.

Buon 2016 a tutti, di cuore! adela

P.s Grazie e tanti auguri a tutto lo staff di WordPress!

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

Un “cable car” di San Francisco contiene 60 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 1.100 volte nel 2015. Se fosse un cable car, ci vorrebbero circa 18 viaggi per trasportare altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

A mother’s reflection, of Human Rights Nationality

Dedicated to the little syrian sea angels

p2010067

When we usually look for angels we stare the sky, but these days they are coming from the sea…The photos of the tragedy are too much for any person who can associate the image of death to everything but not the children. Often I feel impressed by such cruelty but this time I made the effort to see the photo through the eyes of a mother, the mother that followed her children towards the journey of a better life. The more I fix the photo of the baby the more it speaks to me. It’s impossibe to turn away your head when death is shouting so loudly…because is that that we often do in front of death, we try to escape, until it doesn’t touch us. But in the photo of Aylan surprisingly even the death seems invisible, as if children should be immune to it… I try to convice myself, althuogh knowing it’s not true. His little body to the seashore is so relaxed that seems he is sleeping. What captured my attention and wrenched my heart were the clothes he had on, everything in its place. I thought of his Mom who dressed him up with care and love and prepared for the long journey, which should have been safe even on a small boat on the open sea.

To get the message of the tragic story of the family of the little Aylan and of other thousands refugees and innocent children you don’t have to look at his photo for a long time, just a few seconds and its image is focused on your mind. His body with the head towards sea and his back to the mainland as if he wanted to tell us that it wasn’t the sea to kill him but our complicated World. On the contrary the sea was the only to welcome and cradle him and in some way give the so much desired peace. He is lying on the seashore as a nightingale ready to take flight towards the Hope and a bettere World! He is leaving…..

Good bye dear Aylan and may God take care of you and your family for eternity!

adela

Të përkthesh një këngë – “El Perdón” Nicky Jam y Enrique Iglesias, ES > AL

“¡El verano está acabando, aunque escuchando esta musica se puede vivir aún un poco más…!”

“Vera po mbaron, ndonëse duke dëgjuar këtë muzikë mund ta ndjejmë akoma edhe më gjatë…!”

NICKY-JAM-ENRIQUE_copy

El Perdón

Enrique:                                                                        
Dime si es verdad
Me dijeron que te estas casando
Tú no sabes como estoy sufriendo
Esto te lo tengo que decir
Nicky Jam:
Cuéntame
Tu despedida para mi fue dura
Será que él te llevo a la luna
Y yo no supe hacerlo así
Enrique:
Te estaba buscando
Por las calles gritando
Eso me está matando oh no
Nicky Jam:
Te estaba buscando
Por las calles gritando
Como un loco tomando oh…
Enrique:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Esto no me gusta
Esto no me gusta
Nicky Jam:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Eso no me gusta
Eso no me gusta
Enrique:
Vivir sin ti, no aguanto más
Por eso vengo a decirte lo que siento
Estoy sufriendo en esta soledad
Nicky Jam:
Y aunque tu padre no aprobó esta relación
Yo sigo insistiendo a pedir perdón
Lo único que importa está en tu corazón
Enrique:
Te estaba buscando
Por las calles gritando
Esto me está matando oh no
Nicky Jam:
Te estaba buscando
Por las calles gritando
Como un loco tomando oh…
Enrique:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Esto no me gusta
Esto no me gusta
Nicky Jam:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Eso no me gusta
Eso no me gusta
Enrique:
Yo te juré a ti eterno amor
Y ahora otro te da calor
Cuando en las noches tienes frío oh oh
Nicky Jam:
Yo sé que él te parece mejor
Pero yo estoy en tu corazón
Y por eso pido perdón
Enrique:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Esto no me gusta
Esto no me gusta oh no
Nicky Jam:
Es que yo sin ti
Y tú sin mi
Dime quién puede ser feliz
Esto no me gusta oh yeah…
(Tú sin mí)
Dicen que uno no sabe lo que tiene
Hasta que lo pierde pero…
(Yo sin ti)
Vale la pena luchar por lo que uno quiere
(No puedo vivir así)
Y hacer el intento
(No quiero vivir así)
N.I.C.K
Nicky Jam, Enrique Iglesias
(No quiero que me dejes por favor)
Haciendo historia. Saga White Black
(Y te pido perdón)

1.png

 

1.png

*Video e kenges https://www.youtube.com/watch?v=hXI8RQYC36Q

La figura del traduttore di oggi, dallo sguardo attento di Juan Antonio Vivanco Gefaell – Traduzione ES>IT

Questo articolo è  tratto dalla versione online della rivista  Zibaldone. Estudios Italianos de La Torre del Virre, dalla sezione Il Mestiere di Tradurre pubblicato nel gennaio 2013. Si tratta di un’intervista a uno dei traduttori spagnoli contemporanei più noti della lingua italiana: Juan Antonio Vivanco Gefaell, che con determinata franchezza definisce le tante sfumature del mestiere del traduttore diventando in qualche modo la voce di tutti noi, traduttori.

 ∗ ∗ ∗ ∗ ∗

Il mestiere di tradurre 1:

JUAN ANTONIO VIVANCO GEFAELL

Figlio del poeta Luis Felipe Vivanco e della scrittrice María Luisa Gefaell, Juan Antonio Vivanco Gefaell da più di tre decenni sta sviluppando un lavoro prestigioso come traduttore. Dalle sue mani sono passati autori italiani così diversi come Roberto Saviano (La bellezza e l’inferno, Debolsillo, 2010), Paolo Maurensing (Canone inverso, Mondadori, 1997), Pier Paolo Pasolini (Scritti corsari, Ed. Del Oriente, 2009) o Paolo Cottino (La città imprevista, Bellaterra, 2005), per citare solo alcuni.

Traduttore minuzioso e preciso non solo di testi narrativi, bensì e merito suo anche la traduzione di testi tecnici che coprono mezza dozzina di specialità umanistiche: dai libri di antropologia come l’interessante Geni, popoli e lingue di Luca Cavalli Sforza (Crítica, 1997), ai testi di etnografia come La terra del rimorso di Ernesto de Martino (Bellaterra, 1999) la traduzione del quale, ci dice, lo apprezzò in modo particolare, fino ad arrivare a manuali densi come La Storia di Spagna di Joseph Pérez (Crítica, 1999) oppure Crisi e inflazione tra l’Antichità e il Medioevo di Georges Depeyrot (Crítica, 1996).

Cercare di coprire il lavoro di Juan Antonio Vivanco significherebbe, senza dubbio, citare i migliori editori del nostro paese e un’ampia gamma di tematiche fino ad abbracciare discipline così diverse come la micologia, l’alpinismo, la storia dell’Arte e, soprattutto, le sue numerose traduzione di studi sull’Islam e il Medio Oriente.

Zibaldone. Studi italiani la ringrazia per esserci prestato a inaugurare questo spazio, Il mestiere di tradurre, rispondendo ad alcune domande sul suo percorso e la sua professione.

Da Juan José Tejero e J. Pérez Andrés

microphone-260283_640

La recente elezione a novembre del 2012 del traduttore Miguel Sáenz come studioso della lingua viene valutata con grande riconoscimento di una professione spesso non considerata, come è stato accolto tra i professionisti?

JAV: Con entusiasmo, certamente, anche se dubito che sia un riconoscimento della professione. Piuttosto dobbiamo valorizzarla come un riconoscimento al merito professionale di Miguel Sáenz.

Perché in Spagna, dove sono poco i lettori in grado di leggere in altre lingue e scarseggiano le sezioni dedicate alle altre lingue nelle librerie, il traduttore ha ancora oggi un protagonismo così ingiustamente limitato?

JAV: Si combinano e rinforzano interessi meschini imprenditoriali con meschine e false gerarchie intellettuali.

Condivide il ruolo di puro trasmettitore stipendiato al quale spesso il traduttore si vede emarginato (in tante edizioni non viene neanche nominato il suo nome) o crede che si dovrebbe intendere la traduzione nel senso di ricreazione o versificazione, essendo il traduttore come una specie di coautore?  

JAV:  Un puro “trasmettitore stipendiato” sarebbe un postino o un messaggero. Sapere cos’è quello che trasmetti e farlo come se fossi il proprio autore che scrive nella lingua di arrivo, è un po più complicato. In realtà, si tratta di un lavoro di simulazione.

In che modo si affronta il testo originale prima di tradurlo? Lo conosce prima o indaga precedentemente nelle traduzioni già esistenti? Cosa pensa di quelle traduzioni – nel nostro paese non sono pochi gli esempi in cui è stato tradotto non dalla lingua di partenza bensì attraverso una seconda lingua?

JAV: Mi confronto con il testo originale quando mi metto a tradurlo. Se qualche volta ho indagato nelle traduzioni esistenti, l’ho fatto nel corso della traduzione o alla fine.

Per quanto riguarda la seconda domanda, fortunatamente non è solito leggere testi in lingua russa, araba o turca tradotti da altre traduzioni. Solo in casi molto particolari sarebbero giustificati, e  si devono respingere senza riserve quando vengono fatto in questo modo per motivi economici o curricolari.

Nel suo caso quanto c’è di vocazionale? Come arrivò alla traduzione? O meglio in che misura crede che l’ambiente familiare decise la sua professione successiva?  

JAV: Arrivai alla traduzione perché dovevo guadagnarmi da vivere e conoscevo bene una lingua (l’italiano). Il francese lo conoscevo poco, però l’ho imparato traducendo, che non è una cattiva scuola. L’ambiente familiare influenzò, sicuramente. Un traduttore è prima di tutto un lettore attento, e se non è scrittore di professione, almeno deve saper scrivere bene.

Del resto, gran parte delle sue traduzioni sono di autori italiani. Il contatto con la cultura italiana l’ha avuto attraverso l’istruzione o è stato frutto di un interesse personale?

JAV:  Attraverso l’istruzione bilingue dai 6 ai 18 anni nella Scuola Italiana di Madrid.

Risultano inoltre tra le sue traduzioni testi di altre lingue come è il caso di Balthus (Memorie, Debollsillo, 2003), Bernanos (I grandi cimiteri sotto la luna, Lumen, 2004) o Revel (Memorie: il ladro della casa vuota, Gota a Gota, 2007). In quale lingua si trova più a suo agio?

JAV:  Di altre no, del francese, che è diventata la mia principale lingua di lavoro. Non mi trovo più comodo con una o l’altra lingua, la comodità (o scioltezza) è relativa a ogni testo.

Ripercorrendo il suo lavoro, attira l’attenzione la sua capacità di alternare la traduzione di testi narrativi con testi specifici di alpinismo, micologia, antropologia e storia dell’arte che richiedono conoscenze più ampie. Come affronta traduzioni così diverse?

JAV:  Non dovrebbe stupire, trattandosi di un traduttore cottimista che non possiede altra fonte di entrate. E poi nei testi narrativi c’è di tutto, micologia, alpinismo, storia dell’arte… La descrizione minuziosa di una veste d’epoca, o di una professione scomparsa, possono richiedere un lavoro di documentazione tanto profondo come qualsiasi testo specialistico. Di solito esiste più diversità da un testo all’altro che da un genere all’altro.

Dagli autori italiani con cui ha lavorato (Niccolò Ammaniti, Paolo Maurensing, Dacia Maraini o Roberto Saviano) quale le ha creato più difficoltà? Che rapporto ha generalmente con gli autori, nel caso esistesse? Nel suo caso si sono interessati del suo lavoro?

JAV:  Riguarda la prima domando: non risponderò, siccome spesso quello che crea più problemi è colui che scrive peggio. Con gli autori morti la mia relazione è spirituale. Con i vivi, minima: però, ad eccezione di un paio di casi, è stata molto cordiale ed utile, perché ci sono dettagli di un testo che solo l’autore conosce. 

Gli autori generalmente si interessano (ovviamente, è la loro opera) nonostante ci siano gradi di interesse e personalità diverse. La maggior parte sono collaboratori e discreti, poiché riconoscono che la loro competenza non è l’altra lingua, e qualcun altro più audace e indiscreto. Dall’altro lato, bisogna tenere in conto che una traduzione è una riedizione della quale l’autore può approfittarsene per fare dei cambiamenti al testo.

Perché una professione come la sua, così complessa, così mal ripagata e con uno scarso riconoscimento, conta un gran numero di persone che vuole esercitarla? Cosa attrae tanto della traduzione?

JAV:  Forse il fatto che sia così accessibile. Tutti traducono in un modo o nell’altro, anche se non lo facessero professionalmente, e tanti vengono contagiati. Però bisogna anche contare quelli che si ritirano.

————————————————————–

G L O S S A R I O

  • por supuesto → certamente
  • más bien → piuttosto
  • cartero → postino
  • antemano → in anticipo
  • previamente → precedentemente
  • enfrentar → mettersi a confronto
  • sino a través de → bensì attraverso a
  • transcurso → corso, (es. nel corso di un lavoro)
  • ya no es habitual → non è comune
  • rechazar → respingere
  • oficio → professione
  • *Loc. ganarse los garbanzos → guadagnarsi da vivere
  • antes que nada → prima di tutto
  • por lo demás →  per il resto, d’altronde
  • soltura → scioltezza
  • simultanear → conciliare; alternare
  • destajista → cottimista; lavorare con un contratto a cottimo (Tipo di contratto di lavoro per il quale il salario è commisurato alla quantità di lavoro eseguito, secondo tariffe prestabilite, Es. come il lavoro di un professionista Freelance).
  • anímica → relazione spirituale
  • entremetido → indiscreto

*Fonte articolo originale: Dialnet-IlMestiereDiTradurre-4500471

Novità!

WhatsNew-640px

Volevo comunicarvi che dalla prossima traduzione troverete insieme ad essa l’inserto di un piccolo Glossario dedicato alle parole, a mio avviso, “difficili” o comunque degne di nota, quelle che ti fanno fermare il ritmo del lavoro, che ti fanno consultare sul web e dizionari il significato più verosimile del testo di partenza, il pensiero delle quali non ti abbandona anche quando vai a dormire, nel caso in qui la parola scelta temporaneamente non ti convince abbastanza… In poche parole sarà uno spazio dedicato alle parole che non si incontrano frequentemente, per questo motivo vorrei condividerle sui miei post, per venire in aiuto a tutti, ma soprattutto ai miei colleghi traduttori. Si sa sul web spesso si fanno scoperte interessanti e rassicuranti! 

Inoltre sul Glossario saranno segnate anche i modi di dire, ovvero le “idiomatic expressions” detto all’inglese, presenti nel testo originale. In questo modo, dalla tipologia del testo, che potete riconoscere dal titolo e l’introduzione dell’articolo, non sarà difficile capire il contesto dove viene usato un determinato modo di dire.

Mi auguro di fare cosa utile ed apprezzabile per tutti i miei lettori. A prestissimo! adela

Life as a Semi-Colon – dal blog di Charley, un racconto pieno di VITA Traduzione EN>IT

Il testo che sto per condividere questa volta ha qualcosa di speciale. Alla fine anche voi lo capirete..! E’ tratto da un blog che ho scoperto per caso, così come per caso si fanno spesso gli incontri migliori della vita. E’ il blog di una donna, di una mamma, di una moglie, di una figlia e di un’amica con una forza straordinaria dentro di se. Si chiama Charley ed ha creato il suo blog dal titolo Life as a Semi-Colon non per coltivare qualche sua passione, ma come un diario aperto per condividere l’esperienza che gli cambiò ad un tratto il corso della sua vita. E’ la storia di una donna che all’età di 35 anni scopre di avere un tumore. Ma quello che rende prezioso questo blog è il fatto che nei suoi post non si parla della malattia come una sconfitta, come una sofferenza insuperabile, anzi è tutto il contrario…Il tono positivo, di speranza e di determinazione di Charley è talmente forte, che diventa contagioso per chi legge. Ho deciso di tradurre questo racconto, perché per me tradurre è trasmettere, è condividere un messaggio, dei pensieri e sicuramente anche dei sentimenti. Dopo due lunghi anni non facili lei purtroppo non è riuscita a sconfiggere il suo nemico, anche se ci ha creduto fino in fondo, però nel suo intento di rendere omaggio alla vita attraverso questo blog sicuramente ha vinto. Il fatto che continui a far parlare di se, dimostra la sua presenza. E’ stato un vero privilegio per me poter tradurre le sue parole! Good bye Charley!

∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼ ∼

Mercoledì, 6 agosto 2014

Il mio anno guadagnato

Moms-hug-by-Gordon-820x546
– Mom’s Hug by Gordon (Flickr CC BY-SA 2.0)

Ho appena festeggiato il mio 36° compleanno. I 36 anni non sono generalmente destinati ad essere un compleanno speciale ed uno di quelli che tanta gente immagina di compiere e a malapena accorgersi. I 36 non sono certo degni di palloncini, bandierine e una grande festa. Tranne per me, lo sono. Il 36 non è un’età che mi aspettavo di raggiungere. Per questo sono felice di considerarmi trentenne, quasi alla seconda metà dei trenta. Rughe? Sì grazie! Arrotondamenti di mezza-età? Sarei contenta di avere un largo girovita! Capelli brizzolati? Dove devo firmare? Abbraccerò ogni segno che dimostra che sto invecchiando, perché significa che sono sopravvissuta appena un po più a lungo.

Sono stata felice di compiere i miei 35 anni e di festeggiare con tanti amici. Quest’anno è stata una vicenda molto più tranquilla, una piccola festa con i miei amici più cari a Londra (questo comportò a rimanere svegli oltre le 9.30 di un sabato sera. Dato che la maggior parte di noi ha piccoli bambini a casa, questa uscita è stata di per sé degna di una celebrazione), dopo giù a Devon per una cena in famiglia. E mentre quelli di voi che mi conoscono, sanno che non mi piace guardare al passato, ma concentrarmi sul futuro, spero mi permettete di concedermi un riassunto di quello che è stato un inaspettato anno guadagnato.

Il mio primo traguardo è stato accompagnare mio figlio al suo primo giorno di scuola. Eravamo così emozionati a guardare D iniziare questo nuovo e importante capitolo della sua vita (anche se dubito che lui lo ricorderà, così come non lo ricordo io) che siamo arrivati persino prima che la scuola aprisse! Questo successe altre due volte durante l’anno scolastico prima che i veri ritmi della Famiglia Kitley fossero svelati e la vista di R e mia correre verso i cancelli prima che si chiudessero divenne un immagine più familiare! Vedere D prosperare a scuola durante l’anno è stata una gioia immensa. E’ in grado di leggere e ogni sera, mi siedo sugli scalini, ascoltandolo leggere a suo padre e alla sorella. R ed io non possiamo più sillabare le parole e non possiamo saltare qualche frase quando leggiamo a lui, D ci corregge subito.

A ottobre, R mi portò a Roma, una città che ho desiderato fortemente di vedere in tutta la mia vita. E’ stato il weekend più speciale, immerso nel cibo, nella cultura e nella storia italiana. Mi è piaciuto tanto ed ero contenta che finalmente l’avevo spuntato dalla mia lista.

L’anno giunse al termine con me che mi trovavo nel posto che più amavo al mondo – in un tranquillo, lontanissimo villaggio francese nelle Alpi, che guardava sul lago Lemàno. Qui mi sento sempre al sicuro, tranquilla e rilassata e i bambini semplicemente adorano l’idea di essere sulle montagne, sciando, costruendo pupazzi di neve e comprando i loro morbido pane al cioccolato ogni mattina. Abbiamo accolto l’Anno Nuovo là insieme ad alcuni meravigliosi amici e considerato come il miglior inizio dell’anno.

Abbiamo spuntato altri due compleanni, incluso i 4 anni di L (io fui dimessa da un ricovero inaspettato all’ospedale 2 ore prima della sua festa, niente di preoccupante) e i 60 anni di mio papà.

Per dare inizio all’estate e visto che mi sentivo abbastanza bene, siamo intrufolati in spiaggia, vacanza con la famiglia in Grecia. Mattinate rilassanti, facendo colazione sul terrazzo, guardando il sole scaldare lentamente la spiaggia era l’inizio perfetto per giornate di costruzioni di castelli di sabbia, giri in barca, passeggiate a lungomare e spruzzi a bordo piscina. Il miglior modo di chiudere la giornata, era chiedere a D e L senza dubbio di andare al salone libero del gelato con diversi gusti, coperti di brillantini, cioccolato, salsa e dolciumi. Il sogno di ogni bambino ed anche mio senza eccezione.

Dopo un’altro inaspettato ma importante ricovero all’ospedale (infezione al fegato, una cosa fastidiosa) sono stata avvolta in una coperta e riempita di cosi tanti antidolorifici che a mala pena mi ricordo, ho realizzato l’ambizione di una vita, ho visto Rick Astley in concerto. Può essere imbarazzante per i miei amici pensare che non solo io ho pagato per questo, ma anche mi sono divertita tanto, ma non mi importa. Tutti abbiamo i nostri beniamini da ragazzi ed io sono stata bene essere trasportata in camera come una bimba di 9 anni, cantando con la mia spazzola dei cappelli.

Così l’anno guadagnato terminò come ogni anno scolastico – con la giornata degli sport tradizionali. Corsa, salto con la corda e le gare dell’uovo nel cucchiaio sono state tutte animate dai tifosi e momenti di conquiste attraversano i visi dei bambini.

Sicuramente l’anno non è andato completamente liscio. A novembre, ci hanno detto che la mia vecchia chemio di routine non stava funzionando più, così dovevamo provare una nuova combinazione di farmaci. A febbraio, ci siamo accorti che nemmeno questi nuovi farmaci stavano dando risultati, in realtà mi stavano facendo sentire peggio. Abbiamo iniziato la mia ultima cura con medicinali per prolungare la vita, che hanno tenuto il cancro a bada fino all’estate. Adesso dovevamo accettare che avevo terminato i trattamenti medici convenzionali  e ci concentreremo sugli esperimenti che fanno all’ospedale nella speranza di essere idonea a qualcosa, o di niente!

Ho anche passato all’ospedale più notti di quanto avrei voluto con diverse infezioni e problemi di dolori. La morfina è diventata mio amico, ma io odio  i ricoveri all’ospedale, i quali, benché servono a farmi stare meglio, li considero una perdita di tempo prezioso.

Cosa ho dunque imparato da questo anno guadagnato?

Ho visto denti cadere, bici essere guidate senza ruote aggiuntive, entrambi i bimbi sciare e prendere più confidenza con l’acqua. Ho ricevuto biglietti d’auguri scritti a mano e fatto la treccia e L mentre cantavamo insieme “Vuoi costruire un pupazzo di neve?” R ed io abbiamo festeggiato il nostro ottavo anniversario ed io ho esposte le mie statistiche ottimistiche di sopravvivenza. Ho amato, riso, viaggiato, ho curato i ricordi di mia mamma, ma forse più di tutto ho capito il valore straordinario che alcune persone hanno dato alla mia vita.

Spendi più tempo possibile con i tuoi figli. Puoi dare per scontato saper leggere “succo di mela”, ma la prima volta che tuo figlio si accorge di poter leggere è un grande momento per loro. Non darlo per scontato! Crea atmosfere magiche per loro. Dalle impronte ghiacciate di Babbo Natale tratteggiate intorno alla casa la mattina di Natale, alla lettera dalla fatina dei dentini, queste sono occasioni importanti che i tuoi piccoli ricorderanno dalla loro infanzia. 

Fai qualcosa di speciale con i tuoi cari. E’ facile essere intrappolati nella ‘vita’, però a volte bisogna staccare la TV, ignorare il telefono, partire e condividere un sogno. Il mio è stato Roma ed è stato probabilmente il weekend più apprezzato dell’ultimo anno, in cui per un paio di giorni, R ed io ci siamo persi a Roma e mischiati con altre coppie romantiche senza figli. Questo sarà indimenticabile.

Goditi e festeggia l’amicizia. Alcune persone possono venire ed andarsene, ma l’amicizia profonda, incondizionata è inestimabile. Tienila stretta e considera un privilegio avere accanto persone che tengono a te. Io non ce l’avrei fatta l’ultimo anno se non avessi avuto un fantastico gruppo di amici che hanno abbandonato letteralmente  ogni cosa (le cene con i mariti, i figli, le loro vacanze programmate e gli appuntamenti) per venirmi in soccorso. Non passa un giorno senza ricordarmi di che gruppo di amiche fantastiche sono circondata.

Apprezzate l’amicizia, i vostri figli e la famiglia ed ogni giorno che avrete il respiro nel vostro corpo, fatte in modo che sia un ricordo unico.

Con tanto affetto,

Cx 

                     ______________________________________________

S O

  • A bonus year → Anno guadagnato
  • late thirties → verso i quaranta (riferito all’età)
  • indulge → concedersi; permettersi
  • my first biggie → il mio primo traguardo; il raggiungimento di una cosa importante
  • to have a childhood-crush (for sb) → avere una cotta per qualcuno sin dall’infanzia; nutrire grande ammirazione (spesso verso persone famose)
  • drug → medicina; farmaco
  • at bay → a bada ( ex. Keep at bay – tenere a bada / a distanza) 
  • trail   esperimento ( spesso nel campo medico)
  • qualify for (sth) → essere idoneo a; avere i requisiti per
  • fall out → cadere (un dente)
  • stabilisers → ruote aggiuntive (per biciclette) 
  • to plait → intrecciare; fare la treccia (ai cappelli)
  • most importantly → soprattutto
  • take (sth) for granted → dare per scontato
  • go away → partire
  • possibly → probabilmente
  • mingle → confondersi; mischiarsi 

Fonte testo: http://lifeasasemi-colon.blogspot.co.uk/2014/08/my-bonus-year.html